You are here: HomeStoria di BovinoNewsBOVINO - La scorciatoia per Valleverde

BOVINO - La scorciatoia per Valleverde

Published in News Wednesday, 02 May 2018 06:29

         ( Articolo di Carmine Santoro) 

      Come per tradizione, a partire dal mese di maggio, i Bovinesi aprono i contatti di devozione con il Santuario di Valleverde, per cui colgo l’occasione per una chiacchierata sulla “scorciatoia per Valleverde” come luogo intriso di tanti ricordi di gioventù e, nello stesso tempo, come nicchia che custodisce un periodo storico, durante il quale si sono radicate una parte delle nostre tradizioni religiose e si sono alternate quelle vicissitudini della civiltà contadina locale, che compongono gli elementi di un  mosaico che appartiene al nostro  passato.

Per gli abitanti di Bovino, e per la maggior parte dei compaesani residenti altrove, la scorciatoia per Valleverde rappresenta l’insieme di riferimenti storico-religiosi, retaggio dei nostri antenati, tanto che può considerarsi come il raccordo naturale tra il paese ed il Santuario della Madonna.

Si può dire tanto o quasi niente su questa scorciatoia, molto dipende da come se ne vuol parlare  e  da chi sta ad ascoltare, e dipende anche dall’animo con cui si percorre questo tratto di strada. Intanto a noi adulti fa bene ricordare, ai più giovani fa bene apprendere e riconoscere i “propri” luoghi d’origine o di derivazione.

 

Per chi scende a piedi da Bovino, dopo aver superato il vecchio ingresso del cimitero, nel gomito della curva della strada provinciale, troverà l’imbocco della “scorciatoia” che mena  al Santuario di Valleverde.

Proviamo quindi a rivisitare questo tracciato, percorrendolo con lo spirito sereno di chi vuol muoversi nel proprio territorio per sentirsi “a casa” e per gustare una rilassante passeggiata, a contatto con la natura.        

Al visitatore o escursionista occasionale, questo stradello può sembrare soltanto un vecchio tracciato rurale in disuso, oppure un percorso acciottolato di campagna, ideale per una salubre passeggiata a piedi o in mountain-bike.

Vuoi anche per il rispetto-devozione del popolo, questa stradina è fra le poche sopravvissute alla pressione esterna, ovvero a quel tipo di stravolgimento che altri ambienti naturali hanno subìto, per discutibili necessità di sistemazione agro-forestale, e di conseguenza alterati o trasformati per assicurare una migliore viabilità rurale e/o interpoderale.

Percorrere in silenzio la scorciatoia, significa “sentire” ancora rumori e suoni di una precedente vita contadina, vissuta fra queste strade di campagna, quando erano battute dallo scalpiccio degli zoccoli di asini e muli. A questi rumori si accompagnava il vociare dei contadini ed il respiro affannoso di chi, meno fortunato, transitava a piedi e coltivava il proprio fazzoletto di terra, senza l’aiuto del tradizionale asinello.

 

Appena si imbocca questo antico tracciato, si avverte subito una piacevole sensazione di  benessere che sale proprio dal contatto con la pavimentazione di ciottoli,  a cui ormai siamo poco avvezzi, tanto presi dal muoverci in auto e sulle strade bitumate.

Il viandante o l’escursionista che inizia a scendere dal tratto superiore, si imbatte subito nella chiesola votiva che sorge a lato di questa scorciatoia, per cui  avverte un senso di rispetto per il  luogo che  sta attraversando.         

Basta posizionarsi vicino alla chiesola, e da questa sommità lo sguardo viene attirato dal panorama che si apre davanti e lateralmente.

A sinistra ritroviamo: Valle Troiana, le Scalelle, la vallata del Cervaro fino a Cervellino- Caprariccia, mentre di fronte abbiamo:  M.Sellaro, V.la De Paulis e M.Fedele.

Sulla destra continua la Valle del Cervaro fino a M.Nero, da quì, risalendo con lo sguardo verso il Santuario si notano, fra i Valli e Cretarossa, ginestreti e boschetti che si alternano ad oliveti e frutteti e qualche campo di grano.

Dalla posizione vicino alla chiesola, si può constatare come tutto il fianco di M.Campana  e della Serra del Vento, degradando verso il Cervaro, formano insieme un semicerchio naturale a voler quasi racchiudere e proteggere  i campi circostanti  ed il Santuario stesso.

 Sul fianco della collina, sopravvivono alcuni rari alberi di castagno, fra i pochi che si possono trovare sull’intero territorio di Bovino.  

 Sulla presenza di questo tipo di pianta, se ne trova menzione in qualche documento del 1600, circa le proprietà  della Chiesa di Valleverde, con preciso riferimento ad un terreno “..arborato di noci e di castagni,…” situato alle spalle del santuario.

Come riportato da alcuni testi di storia locale, questa valle era in gran parte dominio di querce, cerri e lecci che formavano il bosco di Mengaga, “….ma la quotizzazione di quella tenuta forestale, detta oggi Mezzana, distrusse l’incanto della selva ombrosa …” .

Nonostante questa trasformazione, l’insieme dei luoghi si presenta ridente e suggestivo perchè ricco di erbe, fiori, essenze profumate sparse nel pascolo incolto e cespugli di ginestre.

 

Da tempo l’intera zona di Valleverde è sotto tutela del vincolo paesaggistico-ambientale, per effetto del Decreto Ministeriale 1°agosto 1985, in quanto classificata come area di notevole interesse pubblico per la conservazione dello stato dei luoghi, in riferimento alla legge n.1497 del 1939.

Inoltre, rientra nei confini del Sito importanza comunitario SIC 421090 Regione Puglia, che oltre alla stessa Valleverde, assorbe gran parte della Valle del Cervaro fino agli Stalloni-Pisano.

 

  In effetti all’occhio esperto del naturalista-ricercatore, non può sfuggire la particolarità della flora spontanea presente nella zona e della fauna che si muove dentro e fuori dal bosco, o che frequenta piccoli anfratti e solchi scavati dall’acqua, ricoperti da una folta vegetazione formata  da cespugli spinosi e ginestre.

In virtù della tutela prevista da tale Decreto, anche la “scorciatoia” risulta protetta perché compresa nell’area sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale, ma nonostante specifici divieti e limitazioni, previsti dalla normativa in materia, alcuni tratti di essa hanno subìto alterazioni e trasformazioni.

Va ricordato che, in occasione della visita del Papa nel maggio del 1987, la pavimentazione di acciottolato presente all’inizio della scorciatoia, quando la si imbocca dal santuario, fu ricoperta da uno strato di “sabbione” e breccione per permettere al bus, ed altri mezzi pesanti, di effettuare la manovra di retromarcia nella curva, per riposizionare il veicolo alla partenza.

Dopo tale evento, sarebbe stato logico e corretto provvedere al “ripristino dei luoghi” ma ……fra il Comune ed i responsabili del santuario iniziò il solito “palleggio” di competenze, con il risultato attuale che una parte dell’acciottolato è sparito e si nota l’intrusione di elementi estranei all’originale conformazione del posto.

 Nell’insieme, sia la pavimentazione di ciottoli che l’intera struttura naturalistica della “scorciatoia” si presentano in buono stato di conservazione, resta di fatto che si fa ancora in tempo a salvare quanto di orginario è ancora recuperabile, con la dovuta buona volontà dei responsabili a cui è affidata la vigilanza e custodia della zona, e con relativi interventi professionalmente qualificati.

Tanto perché, tutelare certi luoghi significa rispettare la memoria e lo spirito di chi ci ha preceduti, per un dovere morale che non dovrebbe essere imposto da nessuna legge o norma.   

  

Carmine Santoro

 

Last modified on Wednesday, 02 May 2018 07:13

I nostri contatti :)