You are here: HomeStoria di BovinoCosa succede in Comune....

Cosa succede in Comune.... (168)

 

Comune di Bovino concorsi: assunzione per amministrativi

5 Febbraio 2020, 08:00

 https://www.ticonsiglio.com/comune-bovino-concorsi/

Nuove opportunità di lavoro in Puglia.

Il Comune di Bovino, in provincia di Foggia, ha indetto nuovi concorsi per l’assunzione di amministrativi.

E’ prevista la copertura di n. 2 posti di istruttore amministrativo/contabile, categoria C, a tempo indeterminato e parziale al 50%.

La scadenza del concorso è prevista il 24 febbraio 2020.

REQUISITI

Possono partecipare al concorso i candidati in possesso dei requisiti di seguito riassunti:
– cittadinanza italiana o cittadinanza di uno dei Paesi dell’Unione Europea o di altre categorie previste dal bando;
– godimento dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza;
– adeguata conoscenza della lingua italiana (per i cittadini stranieri);
– assenza di condanne penali, di procedimenti penali in corso o di stato di interdizione o di provvedimenti di prevenzione o di altre misure che escludono l’accesso ai pubblici impieghi;
– non essere stati destituiti, dispensati, licenziati o dichiarati decaduti da un impiego pubblico;
– avere età non inferiore agli anni 18;
– idoneità fisica all’impiego ed alle mansioni proprie del profilo professionale riferito al posto a concorso;
– posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva (solo per i candidati di sesso maschile
nati entro il 31/12/1985);
– Diploma di scuola media superiore (
diploma quinquennale) valido per l’immatricolazione a corsi di laurea universitari;
– titolo equipollente (per i titoli di studio conseguiti all’estero);
– conoscenza della lingua inglese;
– conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse (video scrittura, foglio di calcolo e navigazione web…);
– possesso della 
patente di guida categoria “B”.

Si segnala la riserva di n. 1 posto a favore dei volontari delle FF.AA.

SELEZIONE

Qualora i partecipanti ammessi risultino in numero non inferiore a 50, saranno sottoposti a una prova preselettiva.

La selezione avverrà mediante il superamento di 3 prove d’esame – una prova scritta teorica, una  teorico-pratica e una orale – e verteranno sugli argomenti indicati nel bando.

DOMANDA

La domanda di ammissione al concorso, redatta secondo il seguente MODELLO (Pdf 117 KB), dovrà essere presentata entro il 24 febbraio 2020 secondo una delle seguenti modalità:
– SPEDIZIONE POSTALE a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo:
Comune di Bovino – Piazza Municipio civ. 12/13- 71023 Bovino (FG);
– PRESENTAZIONE DIRETTA a mano, personalmente o a mezzo corriere, nell’orario di apertura dell’ufficio protocollo;
– MODALITA’ TELEMATICA con utilizzo di posta elettronica certificata, da inviare al seguente indirizzo di PEC: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. esclusivamente da un indirizzo di posta
elettronica certificata.

Alla domanda sarà necessario allegare la seguente documentazione:
– la ricevuta in originale, o in formato non modificabile se la domanda è trasmessa a mezzo
PEC, del versamento di tassa di concorso di 10,00 euro;
– fotocopia in carta semplice (non autenticata), fronte e retro, di un documento di identità in corso di validità;
– la certificazione medica attestante lo stato di handicap per poter fruire del beneficio di ausili necessari e/o tempi aggiuntivi nello svolgimento delle prove;
– idonea documentazione, rilasciata dalle autorità competenti, attestante il riconoscimento dell’equipollenza o equiparazione del proprio titolo di studio estero a uno di quelli richiesti dal bando.


Ulteriori dettagli sulle modalità di presentazione della domanda di ammissione sono indicati nel bando che rendiamo disponibile di seguito.

BANDO

Tutti gli interessati ai concorsi per l’assunzione di amministrativi indetti dal Comune di Bovino sono invitati a leggere con attenzione il BANDO (Pdf 338 KB), pubblicato per estratto sulla GU n.7 del 24-01-2020.

Le successive comunicazioni inerenti le prove d’esame o le graduatorie saranno rese note attraverso il sito istituzionale del Comune www.comune.bovino.fg.it nella sezione ‘Amministrazione trasparente > Bandi di concorso’.

UN BEL PAESE BOVINO....sì ma difendiamo Via Castello

Written by Sunday, 24 November 2019 10:42

A circa due anni  dalla pubblicazione di questa pagina (..ad oggi Read 6640 times)BOVINO - VIA CASTELLO SI RIFA' IL LOOK (alla Kemmenefrego!), l’Amministrazione comunale di Bovino, senza scampanellii, trocchiolate e triccheballaccate mediatiche  si accinge a rivoluzionare il piano di circolazione stradale vigente che comporterà notevoli disagi a tantissimi cittadini  che  in queste poche settimane passate han fatto variare segnali di parcheggio inopportuni  già realizzati, rimuovere segnali verticali e chissà quante altre variazioni saranno apportate prima che vengano pubblicate le ordinanze di entrata in vigore del nuovo piano di circolazione e sosta nelle strade cittadine.

Intanto, molti segnali che sono stati installati e ricoperti con buste nere di plastica leggera, causa vento ed intemperie sono scoperti e  pur non essendo efficaci senza la pubblicazione dell’ ordinanza, creano confusione, per cui bisogna intervenire in qualche modo per non essere ridicoli agli occhi di chi si reca in questo paese ad ammirare le bellezze del borgo.

                       

Per ora i Cittadini che vedono a rischio le proprie attività commerciali con questa futura segnaletica, espongono il loro problema  in maniera personale e privata agli amministratori più abbordabili e si corre ai ripari, ricoprendo con pittura nera le delimitazioni appena create.

       Ci pervengono segnalazioni che rivelano questioni importanti per l’ intera collettività bovinese.

Una di queste,  arrivata poche ore fa,   riteniamo doveroso sottoporre all’attenzione di chi ci legge perché contiene elementi di profonda riflessione e proposte attuabili per il nostro “bel paese”,   dice:

 

BOVINO È UN BEL PAESE ?

Si! Ma difendiamo Via Castello 

di Michele Dota

 

Noi bovinesi diciamo con orgoglio che Bovino è un bel paese.

Ma abbiamo qualche difficoltà a immaginare quanto sarebbe più bello, ma tanto più bello (!)               se l'avessimo conservato e curato, negli ultimi 60 anni, secondo i modelli di arredo urbano tradizionali consegnatici dai nostri padri e dai nostri nonni.

Bovino sarebbe certamente un paese più bello se, amandolo di più, ne avessimo cura e rispetto, se da oggi provvedessimo, un po’ alla volta, ma ogni giorno, con pochi soldi, quasi sempre in economia, senza megaprogetti e appalti onerosi, a fare queste piccole cose…

 

Sono sicuro che tanti hanno riconosciuto nel testo in epigrafe la penna autorevole dell’ Avv. Gabriele Consiglio.  Lui ha sempre visceralmente amato ogni pietra del suo borgo natio; lo testimoniano le sue poesie, i suoi libri, la sua storia.

La sua è stata una esortazione continua, ripetuta, tenace; quasi una preghiera troppe volte inascoltata, ad amare consapevolmente e responsabilmente il proprio paese.   Ad amarlo così come si ama e si rispetta la propria innamorata, la propria sposa, la madre dei propri figli.

Sono però altrettanto sicuro che leggendo tale testo solo pochi degli attuali Amministratori riconoscerebbero la paternità dell’Autore, e non solo per questioni anagrafiche.

Tale sicurezza mi deriva dall’osservare lo stato di generale degrado ed abbandono del centro storico  e dei suoi vicoli un po’ più interni, che è sotto gli occhi di tutti e non può essere più taciuto.

Ma l’offesa che si sta perpetrando in Via Castello, con l’apposizione di nuovi e obbrobriosi cartelli stradali ancora oscurati, è oscena ed oltraggiosa.

Una violenza gratuita ed ingiustificata; un vero stupro nei confronti del muro merlato del giardino pensile e di tutta Via Castello.  Testimonianza eclatante e tangibile dell’insipienza di chi ci amministra. Della più totale mancanza di rispetto e di sensibilità storica ed estetica.

La prova provata del totale disamore per le proprie vestigia, o, al più, di un “amore malato”, che ci restituisce la cifra culturale di chi ci rappresenta.

Non trovo attenuanti!  A nulla vale la presunta necessità di una migliore disciplina del traffico e del rispetto del codice della strada, che impone l’apposizione di una cartellonistica puntuale e a “norma di legge”.  Mancherebbe solo il cartello con il limite di velocità!

Credo che uno strappo alla “norma”, o il minimo necessario per essere in regola, piuttosto che il ricorso a segnaletica orizzontale,  avrebbero  potuto diminuire di molto l’invasività e la bruttura dei cartelli apposti.

Una cartellonistica che, per densità e ubicazione, più che essere  monito all’osservanza del codice della strada, è un indicatore della nostra inciviltà.  Non mi riferisco solo all’irriverente schiaffo ai monumenti, che tradisce il nostro gusto e quello di chi compie certe scelte; ma al messaggio veicolato e che i turisti possono facilmente cogliere: “A Bovino, -il borgo più bello di Puglia- sono così indisciplinati da aver bisogno di un cartello stradale ogni 20 metri…”.

Ritengo che gli automobilisti, che poi siamo noi bovinesi, possano essere più facilmente ri-educati al rispetto delle regole e della buona educazione stradale, dalla benevola gentilezza e dall’invito perseverante dei Vigili, che non da 10, 20, 100 cartelli stradali.

Eppoi, è lo stesso contesto ambientale, paesaggistico e culturale che ci “obbliga” a comportamenti “rispettosi”; così come non getteremmo mai una carta in terra, in una viuzza linda e pulita di un qualsiasi paesino della Toscana o del Trentino.

 

Ciò detto, ripropongo testualmente quanto, anni addietro, ci esortava a fare di Via Castello l’Avv. Consiglio.

 

…]  15) VIA CASTELLO:

Insieme a via Sotto Le Mura, Via Castello è la strada più panoramica e bella di  Bovino. Ma in più via Castello, nel primo tratto che è costeggiano dal giardino ducale col suo muro di recinzione perfettamente merlato, può vantare un eccezionale tocco di eleganza e di raffinata testimonianza architettonica. Perciò la via Castello merita di essere adeguatamente ridefinita:

a) eliminando l'unico albero esistente sulla destra e all'inizio della strada perché costituisce un elemento di disturbo della linea di fuga del muro merlato, che deve invece rimanere perfettamente pura e libera da ogni elemento contaminante (alberi, panchine, lampioncini ecc ……...);

b) creando un piccolo ingresso ai giardini ducali, largo non più di un metro, con cancelletto in ferro, sempre sulla destra di via Castello, all'inizio del muro merlato: tutto ciò quando si saranno create le premesse per l'uso pubblico dei Giardini;

c) cercando di sfoltire possibilmente l'imponente ippocastano che sta sulla sinistra e all'inizio dell'arteria;

d) impiantando, lungo il lato sinistro della strada, 5-6 lampioncini di stile antico e a una sola luce-lanterna come quelli di piazza Cattedrale, curando di sistemarli agli incroci di via Mazzini, via Nino Bixio, via Cavour e Corso Umberto;

e) sempre e soltanto lungo il lato sinistro della strada, apponendo due -tre panchine in pietra all'altezza dei civici 16-18-20;

f) biancheggiando le case di cui ai civici 2 e 3 sulla sinistra e ai civici 38-40-42 e 44 sulla destra:

g) rifacendo al meglio, in pietra di fiume, la pavimentazione del triangolo di convergenza tra via Castello e Corso Umberto;

h) rifacendo al meglio, in pietra di fiume la bavetta antistante l’ingresso al viale esterno del Castello;

i) eliminando gli alberi di alto fusto che si trovano lungo la scarpata sottostante il tratto della Rotonda che gira verso S. Procopio e che impediscono di vedere le case della Portella, le quali rappresentano uno spettacolo eccezionale, un presepe affascinante di giorno e più ancora di notte (basta sostituire quegli alberi con piante basse o a cespuglio);

l) illuminando con un faretto la targa in pietra dedicata a Torquato Tasso;

m) migliorando l'illuminazione del muro esterno del Castello che costeggia la parte alta e terminale della strada;

n) provvedendo a risarcire o a far risarcire il detto muro anche per evitare pericoli per la pubblica incolumità;

o) suggerendo, in contrasto con la illuminazione in giallo della facciata settecentesca del Castello, di illuminare la torre normanna con una luce bleu metallica come quella delle torri del Maschio Angioino a Napoli.

C) La terza opportunità riguarda, in maniera più severa e vincolante, un problema che va visto attentamente e risolto adeguatamente in rapporto ai tempi nuovi e alle esigenze nuove della nostra comunità. Il problema è quello di aprire al pubblico e rendere fruibile e vivibile il complesso dei due giardini pensili del castello ducale. Si tratta di spazi verdi, recentemente riordinati con gusto e passione, che sarebbe davvero biasimevole continuare a vedere inutilizzati e abbandonati. Statue, piante, alberi di pregio, fontane, spazi di intrattenimento, muri merlati, costoni rocciosi e tanti altri pregi di questi giardini rappresentano il fiore all'occhiello di tutta Bovino. Basterebbe, come già si è detto nel paragrafo dedicato a Via Castello, aprire, su questa strada, sulla destra e all'inizio del muro merlato, un secondo ingresso ai giardini con un piccolo cancelletto in ferro non più largo di un metro.

Ma occorre che l'Amministrazione Comunale persegua fino in fondo la conquista di questo obiettivo, raggiungendo le opportune intese con il proprietario e il gestore dei giardini. 

************************************************************************************************

Come ovvio molte cose sono cambiate da quando l’Avv. Gabriele Consiglio, nel lontano 2006, ha scritto la sua lettera aperta all’Amministrazione Comunale dal titolo “BOVINO il mio paese  SAREBBE PIÙ BELLO SE ………”.

Ma molte delle sue intuizioni e dei suoi suggerimenti, ce n’è per strade, piazze, monumenti, arredo, piante e punti panoramici, risultano ancora attuali e concretamente fattibili con poca spesa e in economia; facendo piccole cose.

E Bovino sarebbe davvero tanto più bello, … se, amandolo di più, ne avessimo cura e rispetto…

 

Pare, però, che da tempo le Amministrazioni Comunali abbiano perso la memoria, se non delle persone autorevoli, dei loro insegnamenti.

 

E così si è costruito nell’area di potenziale espansione della Villa comunale, che sarebbe stata funzionale all’ampliamento della sua fruizione turistica; con fontane e paparelle (i cigni sono troppo pretenziosi); cerniera naturale per passeggiate verso Monte Castro ed il Cervaro.

 

E così si costruiscono parcheggi spropositati e poco accessibili. (Mi riferisco al parcheggio di Via  Peschiera, chissà che non si possa riconvertirlo in area di sosta per Camper).

 

 

 

Così si propone l’abbattimento e la ricostruzione della Palestra Comunale, già definita “pustola pestilenziale” per la sua interferenza con il paesaggio della valle del Cervaro. (Sarebbe stata auspicabile una sua delocalizzazione in area diversa, dandole funzioni plurime, studiandone l’architettura per un corretto inserimento paesaggistico).

 

Così a Bovino, uno dei “Borghi più belli d’Italia” “Bandiera Arancione”, si  propone una cartellonistica stradale oltraggiosa ed irriverente.

 

Ecco perché mi vengono in mente le parole della canzone “Se io fossi San Gennaro”, di Federico Salvatore,  sulle  vicissitudini urbanistiche, e non solo quelle, di Napoli…

 

 

La sfida della qualità del nostro paese riguarda tutti noi, rilanciamone il buon gusto e l’armonia.

 

Grandi Speranze!

24  Novembre 2019                                             Michele Dota

 

 

Un sincero ringraziamento alla Pro Loco e a quanti si sono impegnati per i progetti di recupero dei giardini pensili di Bovino.

 

 

Ci si può innamorare dappertutto,

ma dove sei nato di più.

(Cesare Zavattini)

 

 

BOVINO - CONVOCATO IL CONSIGLIO COMUNALE IL 18.10.2019

Written by Thursday, 17 October 2019 07:59

Si riunirà il Consiglio Comunale di Città domani 19 Ottobre per discutere l' Ordine del Giorno seguente. 

Saranno affrontati argomenti importanti e discusse alcune interrogazioni dell' opposizione. 

La Consigliera Stefania Russo ha presentato sulla propria pagina Facebook la convocazione ricevuta per la partecipazione al Consiglio   nel modo  che  qui di seguito, condividendolo, trascriviamo:

Stefania Russo

Consiglio Comunale del 18.10.2019

Venerdì 18 alle ore 10.00 si riunirà il Consiglio comunale: all’ordine del giorno anche la risposta a due interrogazioni dei gruppi di minoranza Alternativa Per Bovino e PromuoviAmo Bovino. l’orario, come spesso accade ultimamente, è infelice, ma gli argomenti meriterebbero la presenza massiccia dei cittadini. La trasmissione in streaming delle sedute del Consiglio potrebbe rappresentare una soluzione, ma le nostre richieste in merito non sono fino ad ora state ascoltate. Tuttavia l’amministrazione non manca di riprendere e trasmettere in streaming voli di aquiloni e fuochi d’artificio, eventi che evidentemente ritiene maggiormente meritevoli di essere condivisi con i cittadini rispetto alle sedute del Consiglio, nelle quali si decide di argomenti che toccano la vita (e le tasche) dei bovinesi. Panem et circenses.

 

 

Semplice suggerimento per domenica......

Written by Friday, 24 May 2019 16:16

...per gli indecisi e per chi non sa come votare....

Il 26 maggio votiamo e facciamo votare per l'unica lista di sinistra presente sulla scheda elettorale. Per un'Europa dei popoli, dei diritti umani, sociali e civili, per la solidarietà e per la pace. Apponiamo un segno di croce su questo simbolo e scriviamo le 3 preferenze sulle 3 righe: 

  FORENZA - CAPUANO -  PALIERI 

 

 

 

 

 

E' stato convocato il Consiglio Comunale in data 30 Aprile 2019 con i seguenti argomenti in discussione:

LE STRANE COINCIDENZE DEI FUOCHI DI SAN GIUSEPPE 2019

Written by Thursday, 28 March 2019 07:50

Dopo circa 10 giorni  dall’ accensione dei fuochi di San Giuseppe per le strade di Bovino, pubblichiamo alcune considerazioni di un nostro corrispondente  che dovrebbero un po’ far riflettere sulle modalità di questa tradizione che sta prendendo dei risvolti un po’ preoccupanti .  Come dice, appunto, il corrispondente Carmine Santoro, sembra che  qualcuno approfitti di questa occasione per svuotare cantine e depositi , per bruciare un po’ di tutto con questi falò che da secoli  rappresentano  un momento di aggregazione e spiritualità che, se non bene regolamentati ed organizzati, si  rischia di vietarli e, quindi, cancellarli da quei riti che, secondo chi scrive, sono da tutelare, conservare e tramandare:

 

Quando si dice il caso!  Il 15 marzo u.s. si è svolta anche a Bovino, la manifestazione studentesca denominata “Fridays for Future” per risaltare il grave problema, dei mutamenti climatici e conseguente crisi ambientale, a livello mondiale. Quindi, sfilata del corteo composto da: studenti, genitori, professori, autorità, ecc….tutto bello a vedersi!

Il Comune di Troia (notizia del 23 marzo) con il progetto “Plastic free” attiva l’iniziativa sulla riduzione dell’utilizzo, e conseguente consumo, di plastica monouso che nella mensa comunale, viene  sostituita con contenitori riutilizzabili in melammina. Bello a sapersi!

La sera del 19 marzo,sono stati accesi i fuochi (falò) tradizionali, in onore di S.Giuseppe. Anche quì tutto bello!

Peccato, però, che nell’aria si avvertiva qualcosa di “stonato”. Con la scusa dei fuochi tradizionali, in tanti hanno colto l’occasione per bruciare di tutto: mobile verniciati, traversine di ferrovia, vecchie tavole ed altri oggetti provenienti da scantinati, svuotati in tutta fretta…per festeggiare il Santo falegname.

Con il risultato di aver immesso nell’aria e fatto inalare ai presenti, gas tossico e maleodorante, offerto dai benpensanti di alcuni falò a rischio inquinamento. Per non parlare del cibo cucinato ed  “aromatizzato” su quella stessa brace.

Guarda caso intorno a quei fuochi, oltre agli adulti, erano presenti tanti/e adolescenti e giovanotti/signorine…sempre per onorare e trasmettere la cultura di una tradizione locale.  Quale sarebbe la strana coincidenza o il vero controsenso?

 

Ebbene, gran parte delle stesse persone che avevano partecipato al corteo ecologico-ambientale del 15 marzo, erano attivamente presenti intorno a questi falò, con prole al seguito….  Forse qualcuno nelle Scuole, ma anche le Autorità, hanno trascurato o sottovaluto questo aspetto ambientale, ossia quella coerenza quotidiana che dovrebbe farci riflettere, sul vero valore di ogni piccola azione che può influenzare, in meglio o in peggio, il nostro clima/ambiente e che potrebbe determinare la futura sopravvivenza dei popoli.

                                                                            Carmine Santoro

BOVINO - CONVOCATO IL CONSIGLIO COMUNALE

Written by Wednesday, 20 March 2019 11:36

E' stato convocato il Consiglio Comunale in data 26 marzo p.v.  con undici argomenti in discussione di cui cinque per l' approvazione del  bilancio di previsione  e ben sei interrogazioni dei gruppi di opposizione:

Anche a Bovino la campagna elettorale delle Amministrative 2018 ha i suoi strascichi, anzi, sembra non esser mai terminata e che si ricominci per le elezioni del 2019 non molto lontane. 

      A mantenere viva l' attenzione sono  gli Amministratori Comunali di maggioranza che sognano già  in un prosieguo vittorioso anche alle prossime elezioni Europee, magari presenti in una delle liste che "tirano" il carrozzone . Per questo  ci si affanna a mantenere caldo il momento favorevole inventandosi manifestazioni ed eventi che non sempre raggiungono l' obiettivo di far meglio funzionare le cose in paese, sprecando risorse che non producono un bel niente!

In questi giorni ci sarà anche un "resoconto" di quello che è stato fatto in questi primi mesi di Amministrazione, cioè per dire cosa si è prodotto a tutti coloro che non si sono accorti di nulla e, magari, autocelebrarsi davanti ad un pubblico  di fans che rivediamo nelle manifestazioni sportive e basta. Speriamo che a quest' incontro vadano anche cittadini come quelli che ci hanno inviato questo documento per far conoscere una realtà diversa da quella che si vuol far credere:

La lettera ricevuta con l' invito alla pubblicazione su questo sito:

Vorremmo poter comunicare con Sindaco e Dirigenti del Comune, per appuntare lo sguardo verso i problemi del quartiere Montecastro; anzitutto da ricordare che ad agosto il n.132 di Elce, ha pubblicato una prima segnalazione sulla situazione della panoramica di Monte Castro, con tutto il prato recintato e con la croce deturpata e sconnessa per i lavori effettuati. Interventi utili per la distribuzione dell’acqua potabile, ma che ha prodotto danni al simbolo e alla conservazione del crocifisso in ferro, che domina il paese.  E tutti del Comune sanno che la sommità di questa collina, fa parte della  memoria storica e tradizionale dei Bovinesi. Purtroppo le luminarie Natalizie e l’attenzione dell’Amministrazione si fermano sul Corso!

Scendendo da questa collina si percorre Viale Boccaccio, per cui all’incrocio con Via C.G.Nicastro si possono ammirare delle piscine all’aperto, come lussuose ville di  Hollywood. I domiciliati dei palazzi intorno, da svariati mesi guardano con invidia queste piscine che si sono formate nelle fondamenta del palazzo di fronte (fortunati loro, casa popolare con piscina!) Insomma una palazzina rifatta ..ma mai completata…sempre all’italiana maniera fra appalti e ditte fantasma e cento altri cavilli. Forse concorrenti della Piscina comunale o preparativi per le Olimpiadi?

A parte le solite “competenze” di altri ed in altre direzioni, il Comune deve  prendere posizione in merito alla sicurezza di queste vasche piene d’acqua: - per la pubblica incolumità e per l’igiene pubblica e per il decoro del paese - per i rifiuti accumulatisi - per il cattivo odore che si spande oltre le prime abitazioni -per le zanzare ed altri insetti presenti ed abbondanti per tutta l’estate …e speriamo nel freddo per avere un po’ di tregua. O queste non sono di competenza?

Non è una critica per rivalità politica, siamo cittadini che fanno presente un problema e finisce quì; non ci interessano le zizzanie della politica!

Giacchè ci siamo, ma vi pare sensato bloccare un paese, la mattina dell’8 dicembre, chiudendo il transito su itinerario principale, per una fantomatica ed inutile area pedonale con i mercatini lontani ed in altra ubicazione? Purtroppo questa smània dell’isola pedonale sul Corso è andata avanti ad agosto, e si ripete ancor oggi e chissà per quante altre volte ancora!  

L’ordinanza reg.n.49/2018, ha imposto per il 3 e 4 dic. il divieto di sosta su corso V.Emanuele, per “..allestimento delle diverse postazioni-casette” attività svolta solo in piazza Marino Boffa. Quindi il Corso era svincolato…ma lo stesso è stato chiuso!

Isola pedonale sul Corso dalle 16,00 del 7 dic. alle ore 24,00 del 9 dic.2018, sempre per “lo svolgimento dei Mercatini e della Sagra;” cose che non si sono effettuate su questa area, che è rimasta preclusa o inutilizzata!

Un po’ di logica ed equilibrio, avrebbero evitato di occupare a vuoto il Corso sapendo bene che ogni sabato p.za XX Settembre è sacrosanta riservata al mercato. Sempre per una logica di accontentare le bancarelle, a discapito di altre attività commerciali da cui sono stati allontanati i clienti. E sempre perché nessun Amministratore e Dirigente comunale, per evidente necessità urbanistica e deflusso traffico, hanno il coraggio di chiudere per sempre agli ambulanti P.za XX settembre, fra cui l’unico posto-sosta per disabili viene occupato ed occultato da una bancarella. E certamente il regolamento regionale sui mercati, non prevede un simile abuso. E certamente nessun paese o Comune “civile” può restare indifferente di fronte al disagio dei disabili.

La mattina di sabato 8 dicembre il Corso è rimasto vuoto e desolato, mentre  i pochi turisti in giro e la popolazione, fra l’imposizione di divieti e di circolazione preclusa, hanno ricevuto solo disagi. I visitatori e frequentatori, con il freddo e l’intemperie, fra acrobatici parcheggi….sono rimasti sconcertati!!!  Grazie al cattivo tempo e per il freddo, P.za XX settembre si è liberata per la partenza anticipata delle bancarelle. Il tutto, con un solo Vigile in servizio, affannato e stravolto. E le consegne con carico-scarico delle merci…dove? Sempre con l’elicottero? Veicoli di una certa portata che non sapevano dove e come scaricare…qualcuno se ne rende conto? Però, a chiacchiere, il turismo e l’accoglienza a Bovino, prima di tutto e tutto sul Corso!

Sempre perché l’Amministrazione vede e stravede per portare sul Corso principale di tutto ed il contrario di tutto!  Il Codice della strada, il buonsenso, ed altri regolamenti NON prevedono e non ammettono la chiusura sbarrata con transenne e tutori/paletti pedonali in ghisa, di una via, anche ai mezzi di soccorso. E i disabili? Devono volare  per atterrare dove? Perché non riservare ai disabili un po’ di spazio, sul Corso anche se “isola pedonale”?

Sempre la stessa ordinanza, prevede: E’ fatta eccezione, relativamente al divieto di cui al punto precedente, esclusivamente per i veicoli dei servizi ….” Il punto precedente, si riferisce al solo divieto di sosta in P.za M. Boffa.  Non si comprende perchè sti veicoli della Polizia e del soccorso, dovrebbero sostare in piazza M.Boffa  già tutta occupata dalle casette! E poi non si capisce perché solo a Bovino potrebbero circolare vecchi veicoli delle PP.TT. e dell’Enel, enti non più con quella sigla. Solo confusione ed approssimazione. Del tutto, nessun accenno alle auto private per disabili o portatori di grave disagio fisico, che necessitano di comprensione e agevolazioni.

Una soluzione: la tanto attesa e discussa “sosta a pagamento” permanente in P.za XX settembre, pure di sabato. Anche perché, con le continue chiusure del Corso ad area pedonale, ed il restante tratto riservato al carico-scarico dei furgoni per lavoro di consegna merce, e divieto di sosta su di un intero lato,....cosa resta delle piazzole a “pagamento”? ..pochi spiccioli!

Non bastano le grane della Corte dei Conti sulla confusa gestione dei bilanci Comunali, né il "flop" della tre giorni di mercatini di natale inaugurati in pompa magna... ci si mette anche il signor Filomeno dall' Australia a rattristare  questo primo Natale dell' Amministrazione Comunale Nunno. 

Leggiamoci la lettera che il signor Filomeno Alessandro ha inviato oggi dall' Australia  direttamente al Sindaco per la nota questione dell' offerta di un milione di euro per opere benefiche: 

Egregio Sindaco,

 

Mi scuso per la tarda risposta ma sono stato abbastanza impegnato.

 

Le vorrei rispondere alla lettera che Lei ha scritto al gruppo "Alternativa di Bovino" in quanto ho notato che, non solo divulga informazioni non veritiere, ma, inoltre, conferma che non ha capito il perche' delle mie lamentele.

 

Lei ha aperto la lettera dicendo che in data 31/08/2018 e' pervenuta la mia lettera al comune. In verita' la lettera e' stata personalmente recapitata a Lei, signor Sindaco, il 14/08/2018. Non avendo ricevuto nessuna risposta (il che e' gia' stato demoralizzante), Michele D'andrea ha sollecitato ripetutamente la Sua amministrazione al fine di parlarne di persona, in quanto avevo comunicato che sarei partito dopo poche settimane.

 

Il 07/02018, giorno prima della mia partenza, si e' tenuto il consiglio come da Lei detto. 

 

Nella sua lettera, dice che la mia lettera dell'11/11/2018 "farebbe altresi sorgere la tentazione di non dare alcune risposta" ? ancora una volta resto scioccato da tanta maleducazione. Prima di essere un'istuzione pubblica, Lei, signor sindaco, dovrebbere essere un uomo. Lei o la sua amministrazione scrive di "protocolli" , "pubblica amministazione" , etc, usando paroloni solo per rispondere alla mia lettera, quando sarebbero bastate qualche telefonate per procedere con il progetto, mettendo le basi per un rapporto basato sul rispetto e sulla fiducia.. questi due valori hanno sempre formato la base di tutti i miei rapporti.. e in Lei non ne ho trovato traccia. Non mi ha considerato proprio per 2 mesi e quando la gente, incluso il sottoscritto, le chiede il perche', Lei non risponde. Il non rispondere a domande dirette dimostra che Lei non e' ne' un uomo d'affari ne' un buon politico. 

 

L'11/11/2018, ben 2 mesi dopo del consiglio le ho scritto una lettera dicendo che non sarei stato piu disposto a creare questa Fondazione. Sindaco, io ho offerto una generosissima somma di denaro e ne Lei ne la Sua amministrazione ha mostrato un minimo di trasparenza nel comunicarmi cosa stava accadendo. In questi due mesi mi sono chiesto come mai Lei non mi avesse fatto sapere niente?

 

Questo, ripeto, e' il motivo per cui ho ritirato la mia offerta. Come mi faccio a fidare di persone che non mi contattato, non mi aggiornano e non mi rendono partecipe di cosa sta succedendo sin dall'inizio di questo progetto?

 

Lei ripete la parola "PRIVATO".. Io, Sindaco, le ripeto che vivo a Melbourne (Australia) e che avrei usato l'appoggio del Comune per la mia iniziativa altrimenti non realizzabile. 

 

Lei dice che ha avuto svariati incontri con la Regione; quindi o mi ha mentito quando mi ha telefonato il 07/11/2018 o mente nella sua lettera... Comunque sia, io non fido di gente che non considera minimamente l'aspetto umano della relazione; 

 

Chiudo questa storia dicendole, e suggerendole, se posso, di trattare le iniziative offerte con maggiore professionalita' e con maggiore "umanita'" visto che ha perso, non per Lei, ma per la comunita’ Bovinese, un’opportunita’ piu’ unica che rara che avrevve fatto “storia”.

 

Le ripeto, ancora una volta, di non usare parole come "strumentalizzato" riferendosi a me, in quanto, non solo non hanno alcun senso ma, allo stesso tempo, mi insulta.

 

Le auguro il meglio Sindaco, non per Lei, ma per il NOSTRO paese.

 

In fede,

 

Alessadro

BOVINO - CONVOCATO IL CONSIGLIO COMUNALE 20.12.2018

Written by Sunday, 16 December 2018 08:49

E' sotto il mirino della Corte dei Conti anche il Comune di Bovino per questioni di rendiconto di Bilancio  per gli anni 2014-2015. Sotto torchio l' Ufficio Ragioneria del Comune che dovrà trovare adesso le dovute pezze che la Corte dei Conti richiede. Non è questa una questione semplice che, se non affrontata in modo giusto, potrebbe percuotersi negativamente sul futuro amministrativo di questa "Città". 

L' ordine del giorno:

 

I nostri contatti :)